EXTREMIS. TOOLS FOR TOGETHERNESS

0 Posted by - - design, lifestyle, tech

Hopper – La tettoia

Probabilmente Dirk Wynants non immaginava neppure lontanamente che il suo campo di luppolo (il primo ad essere avviato nella regione da 25 anni) avrebbe prodotto molto di più della Tremist, la birra della casa di Extremis. Basta dare un’occhiata al campo e alle sue file di pali obliqui con le piante di luppolo per cogliere il riferimento visivo inserito nel design della tettoia creata per il tavolo Hopper. La soluzione ideale per godersi un po’ di fresco insieme agli amici in una calda giornata d’estate.

Sfida

Se Hopper può comodamente ospitare quattro, sei, otto o persino dieci persone attorno ad una lunga combinazione panca-tavolo, la tettoia deve essere sufficientemente ampia da poter riparare tutti. E la progettazione di una tettoia parasole in combinazione con un tavolo lungo è una delle sfide più difficili per un designer. Con la tettoia Hopper Dirk Wynants ha accettato e vinto la sfida.

La tettoia Hopper segue fedelmente le linee del tavolo Hopper e rende l’insieme più bello ed armonioso. Chi conosce la filosofia di Extremis, sa ormai che l’innovazione è alla base di ogni nuovo progetto. Questa tettoia parasole non è soltanto una risposta a tutte queste sfide, ma è anche estremamente facile da aprire e chiudere in pochi secondi. Occupa uno spazio minimo e a causa del suo telo piatto deve essere chiusa solamente in caso di vento forte.

Woodstock

Woodstock è un prodotto costituito da una rastrelliera e un carrello che permette di stipare una rilevante quantità di legna in modo agevole e di trasportarla senza fatica. La rastrelliera incornicia la legna per averla sempre a portata di mano nel punto in cui serve, rispondendo così a esigenze di funzionalità ed estetica. E il carrello? É possibile utilizzarlo anche per trasportare altri oggetti pesanti.

Efficiente anche dal punto di vista ambientale

Woodstock è un ogetto non solo molto funzionale, ma, come la maggior parte dei prodotti Extremis, anche efficiente da un punto di vista ambientale. Il carrello è infatti realizzato con il materiale in eccedenza utilizzato per la rastrelliera e così nulla viene sprecato. Un ingegnoso progetto di imballaggio riduce inoltre le dimensioni di trasporto. Non c’è da meravigliarsi dunque che OVAM, l’azienda pubblica fiamminga per lo smaltimento dei rifiuti, l’abbia eletto un prototipo di prodotto ecologico.

Photos and texts courtesy by Extremis

source http://www.extremis.be/


 

No comments

Leave a reply

eight + fourteen =